De gustibus non disputandum est

Quante volte abbiamo sentito dire “quanto è bella quella ragazza!” oppure “quanto vorrei essere come lei…”? Approssimativamente ogni giorno. Basta accendere la televisione per rendersene conto.  I media presentano ed elogiano (da sempre) donne considerate di “bell’aspetto” e che rispettano a pieno i canoni di bellezza attuali. Il canone di bellezza è un po’ come la “regola del fascino”, ovvero ciò che viene riconosciuto dalla società odierna come ideale estetico attinente al corpo.  Questi canoni variano a seconda del popolo , del periodo storico e dallo stato in cui ci troviamo, come ha dimostrato una farmacia online del Regno Unito, la Superdrug Online Doctors.  Questa farmacia ha pubblicato sul proprio sito un progetto intitolato “Perceptions of Perfection” (in italiano, “Percezioni di Perfezione”). Per il seguente esperimento, l’azienda ha contattato diciotto diversi designer provenienti da diciotto diversi paesi ed ha chiesto loro di modificare l’immagine di una ragazza in modo da ripordurre lo standard di bellezza della loro nazione di provenienza.  Anche una giovane giornalista statunitense, Esther Honig, si è chiesta come possa essere diversa la concezione del bello a seconda della latitudine. Ha quindi postato una sua foto “acqua e sapone” con la sola richiesta di venir resa “bella”.  In entrambi i progetti, i risultati hanno dimostrato quanto i canoni della bellezza siano generalmente univoci solo per una popolazione, mostrando le varie differenze fra i paesi esaminati. Ciò non toglie il fatto che la concezione di bellezza sia soggettiva e possa anche staccarsi da un ideale. Ma quanto peso ha nella nostra società, la bellezza?  In Occidente, molti aspirano ad essere come quei modelli che spesso si vedono sulle riviste di moda, mentre presentano una nuova collezione di qualche stilista famoso: corpo magro (a volte anche troppo) e viso perfetto.
Cosmetici, operazioni di chirurgia estetica, fino a cosa si è disposti a fare per “essere belli”?  I motivi non sono molti: piacere a sè stessi e/o agli altri. Ma fino a quanto può essere importante, essere belli agli occhi della società? Fino a quanto può influire sulla nostra posizione rispetto agli altri? Ma soprattutto, è forse più rilevante del nostro carattere?

Beatrice Paglione

Le foto sono il risultato della ricerca effettuata dalla farmacia inglese

original

men-3-710x442

You may also like...

Lascia un commento