Fatevi avanti, si mangia!!!

Luci puntate su Luigi Pirandello. Uno degli scrittori più amati dai giovani diventa ogni anno protagonista di un progetto nazionale a cui partecipa anche il nostro Liceo.In particolare l’edizione 2016, che ha avuto il  suo momento clou nel convegno sui “Quaderni di  Serafino Gubbio operatore”,  ha innalzato nell’Olimpo dei vincitori  il giovane pescarese Thomas Tabellario. L’ alunno della nostra scuola ha conquistato la giuria presentando la riscrittura creativa  “Fatevi avanti, si mangia”, con la quale è riuscito a cogliere lo spirito pirandelliano, adattandolo all’età moderna. Abbiamo incontrato Thomas, un ragazzo semplice con una grande passione per la scrittura.

Cosa ti ha spinto a partecipare a questo concorso?       

E’ stato per caso: solitamente la mia professoressa di lettere, Francesca Bianchi, fa partecipare a questo progetto i ragazzi che frequentano il quarto anno.  Ma l’anno scorso ero l’ unico ad avere dieci in italiano, per cui mi ha chiesto di provare a scrivere, nonostante frequentassi il terzo Liceo. Durante l’estate ho incontrato più volte la professoressa che mi ha aiutato a organizzare meglio le mie idee ed è stata per me un valido supporto.

Cosa hai provato quando hai ritirato il premio?     

 Quando ho ritirato il premio non sapevo che cosa dire perché ero abbastanza emozionato. La professoressa mi aveva detto che sarebbe stata una sfida. Avrebbero partecipato ragazzi di tutta Italia e quindi la vittoria sarebbe stata quasi impossibile. Per cui sono salito sul palco quasi pietrificato.

Spiegaci il titolo del tuo lavoro e la trama                  

  Il titolo del mio lavoro è” Fatevi avanti, si mangia”. Bisognava fare una scrittura creativa del libro “Quaderno di Serafino Gubbio operatore”, in cui il protagonista è un operatore che gira una manovella di una macchina da presa per il cinematografo. Il protagonista è alienato da questo lavoro tanto da sentirsi  come una macchina. Allora ho deciso di fare la scrittura non dal punto di vista del protagonista ma del punto di vista della macchina, dandole vita, considerandola simile a un uomo. Ho così plasmato un uomo più simile ad una macchina. Il titolo è “Fatevi avanti, si mangia” perché durante tutto il testo ripercorre la metafora appunto della macchina che ingoia la nostra vita e la nostra anima .Quindi si conclude con questa battuta della macchina nei confronti del protagonista: “nel dubbio la scena è apparecchiata adesso fatevi avanti si mangia”

 Qual è la caratteristica letteraria che più ti colpisce di Pirandello?                                                                                             

Pirandello  riesce sempre e comunque a sondare quello che è l’aspetto umano delle persone. E questo lo rende tremendamente contemporaneo in qualsiasi periodo storico.

Perché secondo te Pirandello è uno dei personaggi più importanti della letteratura italiana? 

Secondo me è un autore che va studiato, oltre che per il contenuto, anche dal punto di vista stilistico: aiuta molto a migliorare il proprio modo di scrivere e rende l’esposizione orale più fluida.

Alice Frasca

Benedetta Santonastaso

 

You may also like...

Lascia un commento