L’arma della conoscenza contro l’illegalità

Si è appena concluso il progetto legalità che ha visto protagonisti i ragazzi delle classi 4G, 4F e 4I  dall’ottobre 2015 al maggio 2016. Durante il percorso gli studenti hanno avuto la possibilità di ascoltare svariate testimonianze di chi è stato in grado di andare contro l’illegalità e di dare un valore alla giustizia. Una delle testimonianze più importanti  è stata fornita dal magistrato Superviseur Général
dell’OEACT -Observatoire Européen Antimafia et Contre-Terrorisme
di Bruxelles  Claudio d’Alelio Marescotti  che, nelle giornate del 2 e 23 maggio, ha voluto operare per far comprendere ai giovani quanto il loro impegno nel sistema sia necessario per rendere possibile e reale un mondo in cui la giustizia abbia un vero valore. <<Voi che restate, siate degni di noi>> scrisse il diciassettenne Guy Moquet, ed è questo il messaggio che il magistrato ha voluto promulgare alla nuova generazione. <<Non siate mules del crimine organizzato e dei terroristi, ma siate consapevoli di tutto ciò che vi circonda >> ha affermato durante il primo incontro, rivolgendosi agli studenti, durante il quale ha anche parlato delle stragi commesse dall’ISIS nel corso dell’anno mostrando come questa e la mafia siano molto più simili di quanto possa sembrare. Come cause della radicalità di queste istituzione fanatiche ha additato la scarsa cultura e la svalutazione della stessa in Nazioni sviluppate come la nostra, affermando, in accordo con il dirigente scolastico, il professor Carlo Cappello, che <<la cultura è l’unico mezzo per fronteggiare la mafia e la criminalità che dilaga nel nostro mondo>>. Tale  concetto è stato ribadito anche durante il secondo incontro, e supportato dal presidente dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato di Pescara, Roberto Cutracci,  che ha asserito: << il compito della costituzione è quello di combattere la mafia nei contesti, perché è nella disperazione che questa acquisisce potere e supporto. La politica deve incidere nella formazione dei giovani, ma grande responsabilità è nelle mani delle famiglie e soprattutto della scuola>>. Il valore della cultura è stato sottolineato da queste parole ricche di speranza, di chi ha vissuto in prima linea nel buio degli anni passati e cerca uno spiraglio di luce nel futuro. La conoscenza è strumento di potenza, ed è proprio su ciò che il magistrato Marescotti ha lavorato, raccontando la vita di chi come lui combatte contro l’illegalità e di chi lo ha fatto in passato. A chiudere il percorso di educazione alla legalità è per questo il 23 maggio, in concomitanza all’anniversario della strage di Capaci del 1992, scelto in memoria dei grandi uomini che hanno reso omaggio alla giustizia. Giornata di ricordo e dolore, il giudice Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre uomini della scorta (Dicillo, Montinaro e Schifani) sono stati commemorati sulle note de “L’inno alla gioia” di Beethoven e da una dolcissima “Ave Maria” di Schubert  con un consapevole silenzio, manifesto di una ritrovata fiducia.

In relazione al fenomeno dei mules il dottor Marescotti  ha presentato agli studenti del Galilei il  video visibile al link sottostante:

http://oeac.blogg.org/money-muling-in-europe-a125283582

An image grab taken from a propaganda video released on March 17, 2014 by the Islamic State of Iraq and the Levant (ISIL)'s al-Furqan Media allegedly shows ISIL fighters raising their weapons as they stand on a vehicle mounted with the trademark Jihadists flag at an undisclosed location in the Anbar province. The jihadist Islamic State of Iraq and the Levant group has spearheaded a major offensive that began on June 9, 2014 and has since overrun all of Iraq's northern Nineveh province. AFP PHOTO / HO / AL-FURQAN MEDIA === RESTRICTED TO EDITORIAL USE - MANDATORY CREDIT "AFP PHOTO / HO / AL-FURQAN MEDIA" - NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS - DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS FROM ALTERNATIVE SOURCES, AFP IS NOT RESPONSIBLE FOR ANY DIGITAL ALTERATIONS TO THE PICTURE'S EDITORIAL CONTENT, DATE AND LOCATION WHICH CANNOT BE INDEPENDENTLY VERIFIED ===

Michela Di Biagio

 

You may also like...

Lascia un commento