L’assemblea è da modificare: lo chiedono gli studenti

Il 78,3% degli studenti del nostro liceo, di età compresa tra i 14 e i 18 anni, non è soddisfatto delle assemblee d’istituto. La percentuale rimane quasi la medesima per coloro che non si sentono coinvolti. Il dato è eclatante e la motivazione principale riguarda l’acustica. Infatti molti spiegano la mancanza di partecipazione in questo modo. Il problema è sicuramente presente, ma molti studenti, urlando e fermandosi a parlare o a scherzare con i compagni in cortile, non aiutano di certo. Sono comunque pochi ad ammettere che ci sia disinteresse da parte degli alunni, che spesso vedono questo evento come una perdita di tempo. Il secondo problema riguarda i temi scelti: infatti abbiamo chiesto agli intervistati quale argomento vorrebbero trattare durante la prossima assemblea. I più sentiti sono i problemi interni alla scuola, ma vorrebbero anche avere dei chiarimenti riguardo l’alternanza scuola-lavoro e discutere di attualità. In generale gli studenti si mostrano ottimisti riguardo un eventuale miglioramento: il 77% crede di poter ottenere risultati diversi grazie ad una maggiore organizzazione e le proposte sono indirizzate soprattutto al problema dell’ acustica; non manca chi richiede un’ esposizione più dettagliata dei temi. Forse l’ impedimento fondamentale non riguarda l’ organizzazione: sono gli studenti stessi che dovrebbero mostrarsi più interessati e volenterosi di partecipare. Risolvendo entrambi i problemi, si otterrebbero di certo ottimi risultati.

 

Stefano Pavone

You may also like...

Lascia un commento